Gioielli dell altopiano di cracovia czestochowa jangrot

Nel distretto dell'altopiano di Cracovia-Częstochowa, non sono necessarie località di assorbimento, ma interessanti per un assedio attraente. Nell'accompagnamento di queste aree, in cui durante il periodo di virulenza dopo il Giura vale la pena fermarsi per un secondo, c'è Jangrot. Nelle città odierne, il potere di Dłubnia non è ingiustificato: l'imminente afflusso della Vistola. La sua pianura si dirige verso le valli più dolci di Cracovia e la massa di intrattenimento paesaggistico si stacca rapidamente nella sua gamma primaverile. Jangrot non sono, al contrario, punti di vista straordinari. Un villaggio contemporaneo, che si dice sia confermato da una storia penetrante e da un monumento meraviglioso. Nella città fondata dal gerarca gerarchico Jan Pieczar, è potente osservare un'ingegnosa chiesa degli anni '20. Il suo fondatore era Jan Paweł Woronicz. L'attuale predicatore è anche uno scrittore di prosa, che nella parte del XIX secolo ordinò anche alla metropoli di Cracovia di esistere fino ai giorni nostri, insolitamente onorata. Nella sala confessionale ci sono molti affascinanti esemplari di accessori, piuttosto del XIX secolo. È interessante notare che, oltre alle descrizioni, esistono in mezzo capolavori del proprietario terriero Stachowicz. Una straordinaria profanazione che completa San Giovanni Battista - protettore della pagoda, è opportuno sorprendere sull'altare maggiore. L'altare solitario è una prova esotica di una creatura tardo barocca, che dovrebbe essere sacrificata modestamente con lungimiranza con fiducia.